Menu
Tickets

Capolavori di Jan van Eyck

Del maestro Jan van Eyck sono rimaste in tutto il mondo solo una ventina di opere. Nel 2020, la metà di queste opere arriverà al MSK. Vieni a vedere più da vicino che mai capolavori di Van Eyck e ad ammirare nel dettaglio lo sguardo rivoluzionario e il genio del maestro. “Van Eyck. Una rivoluzione ottica” è un’esperienza unica nel suo genere!

I capolavori di Jan van Eyck

Gli otto pannelli esterni restaurati del Polittico dell’Agnello Mistico insieme ai pannelli interni con Adamo ed Eva costituiscono il cuore della mostra. Una parte dei capolavori del maestro fiammingo è stata messa in mostra al fuori della Cattedrale di San Bavone solo nel lontano 1902. Dopo il 2020, le opere non usciranno mai più da quella chiesa. La mostra è quindi l’unica e l’ultima possibilità di ammirarle da vicino in un contesto più ampio. Le altre parti dell’Agnello Mistico rimangono visibili nel 2020 all’interno della Cattedrale di San Bavone.

Il MSK espone inoltre altri dieci quadri di Van Eyck e un “libro d’ore” illustrato dal maestro fiammingo che dal 1° febbraio 2020 saranno visibili a Gent in un solo luogo. Le opere appartengono a collezioni di Belgio, Germania, Spagna, Italia, Romania e Stati Uniti.

 

Capolavori della bottega di Van Eyck

Oltre alle opere realizzate da Van Eyck, alla mostra sono esposte anche nove opere della sua bottega. Alcune vennero realizzate con l’apporto diretto di Van Eyck, altre vennero eseguite quando il maestro era ancora in vita o poco dopo la sua morte da pittori che lavoravano nella sua bottega. L’elenco comprende anche le ultime opere di Van Eyck, appartenenti a una collezione privata, e “I dodici apostoli” provenienti dal Museo Albertina di Vienna. È la prima volta che questo dipinto viene esposto al di fuori dell’Austria.

Le altre opere di Jan van Eyck e della sua bottega in mostra a Gand sono le seguenti:

  • Jan van Eyck e bottega, Vergine alla fontana, ca. 1440 (collezione privata)
  • Jan van Eyck e bottega, La crocifissione, ca. 1430 (Gemäldegalerie der Staatliche Museen, Berlino – Preussischer Kulturbesitz, Berlino)
  • Jan van Eyck e bottega, La Crocifissione, ca. 1445 (Museum Boijmans Van Beuningen, Rotterdam)
  • Jan van Eyck (bottega), Le tre Marie al sepolcro, ca. 1440 (Museum Boijmans Van Beuningen, Rotterdam)
  • Jan van Eyck (bottega), San Gerolamo, ca. 1442 (Detroit Institute of Art)
  • Jan van Eyck (bottega), La crocifissione, ca. 1445 (Galleria Giorgio Franchetti alla Ca’ d’Oro, Venezia)
  • Jan van Eyck (bottega), I dodici apostoli, 1445 (Grafische Sammlung Albertina, Vienna)
  • Jan van Eyck (bottega), Dittico con Giovanni Battista e Madonna col bambino, ca. 1440 (Musée du Louvre, Parigi)
  • Jan van Eyck (bottega), Ritratto di uomo con copricapo, 1a metà del XV secolo (Musée du Louvre, Département des Arts graphiques, Parigi)