Menu
Tickets

Tour de force internazionale

Per rendere tangibile la rivoluzione ottica di Jan van Eyck, il MSK ha riunito le opere del maestro, quelle della sua bottega, copie di opere andate perdute e più di 100 quadri, miniature, sculture e disegni realizzati dai più importanti seguaci e contemporanei di Van Eyck. Affinché tutto questo fosse fruibile al massimo, il museo lo ha suddiviso in 13 sale. Mai prima è stato possibile arrivare così vicino al maestro, al suo genio e alla sua eredità.

Più di 100 prestiti internazionali

Istituzioni di grandissima importanza come i Musei Vaticani, il Museo National del Prado di Madrid, la Gemäldegalerie di Berlino, la Galleria Doria Pamphilj di Roma, la National Gallery di Washington e il J. Paul Getty Museum di Los Angeles hanno concesso in prestito molte loro collezioni. Clicca qui per avere il panorama completo.

Molte opere importanti arrivano in Belgio o vengono esposte insieme per la prima volta. Serie come i 12 apostoli realizzati dalla bottega di Van Eyck non sono mai stati messe in mostra integralmente al di fuori di Vienna. Le statue dell’Altare di Rimini provengono da Francoforte e sono eccezionali opere in alabastro che per la prima volta vengono esposte accanto alle opere dipinte da Van Eyck.

Altri punti di eccellenza assoluta sono i maestri del primo Rinascimento italiano, come Beato Angelico o Benozzo Gozzoli, le cui opere sono state viste solo raramente accanto a quelle dei loro omologhi fiamminghi. Infine, sono presenti artisti che a partire da XVI secolo hanno tratto ispirazione da Van Eyck.